Advertising o Social Selling. Quale scegliere per vendere online?

Ci sono strumenti differenti e strategie per raggiungere più obiettivi. Cosa puoi fare con queste soluzioni? Meglio la pubblicità classica o il social selling? Qui hai tutto quello che serve per decidere. E ottenere buoni risultati.

La scelta tra Advertising (abbreviato ADV, ovvero pubblicità) o Social Selling non è semplice. Strumenti diversi che hanno in comune lo stesso scopo.

Quali differenze tra ADV e Social Selling?

Tra Advertising o Social Selling, esistono delle differenze concrete? Ecco quali.

  • Advertising – Creazione ed impostazione di campagne pubblicitarie che prevedono un budget da destinare alla piattaforma che pubblica l’annuncio (solitamente usata per ricevere una visita o un “lead” ovvero un contatto interessato ai prodotti/servizi offerti).
  • Social Selling – Creazione di relazioni virtuali o reali con i potenziali clienti (prospect o lead) con l’obiettivo di portare a conclusione la vendita seppur consapevoli che i tempi possono essere lunghi.

Come puoi vedere, entrambi hanno l’unico fine di raggiungere una vendita.

Nel primo caso paghiamo una piattaforma per ospitare i nostri annunci capaci di portare contatti e vendite dirette. Nella seconda fase, invece, il lavoro riguarda il coinvolgimento dell’azienda nei confronti del potenziale cliente.

Attenzione! Il Social Selling non è un limitarsi a rispondere ai commenti sui post pubblicati, ma un lavoro atto a tessere una struttura di relazioni.

Cosa conviene per vendere online? Advertising o Social Selling

Advertising sui social media. Cos’è?

Tutti sappiamo che l’advertising è la pubblicità, ovvero quelle inserzioni per le quali si paga un corrispettivo che, spesso, rientra nelle logiche del pay per click. Ma cosa rappresenta veramente la pubblicità sui social media? Un modo per vendere di più?

In realtà è uno dei tanti rami dell’inbound marketing, ovvero quella strategia che ti consente di farti trovare nel momento in cui vengono cercati i prodotti e servizi che offri.

Anche l’ADV, che rientra nell’inbound marketing, deve essere una risorsa utile all’utente.

Cos’è, invece, il Social Selling?

Trattasi di un percorso che porta le aziende a sfruttare il proprio marchio sulle piattaforme social per creare relazioni, con lead e prospect, proiettate alla vendita.

E’ errato pensare che si tratti di mandare messaggi privati agli utenti invitandoli a visitare il sito e acquistare qualcosa, oppure condividere dei link con la speranza che qualcuno arrivi sulla landing page e avviare il processo di funnel.

Le fasi del Social Selling

E’ vero devi vendere, ma queste si realizzano nel tempo creando relazioni virtuose e durature con il pubblico, con l’obiettivo di costruire un rapporto di fiducia tra utente e azienda.

L’acquisto e la fidelizzazione è il punto di arrivo di ogni funnel di inbound marketing. Parti da una fase in cui l’utente è un perfetto sconosciuto ed arriva ad essere un utente che parla di te e del tuo brand.

Strumenti per il Social Selling

Hai bisogno di strumenti che ti permettano di lavorare agevolmente sulle piattaforme social, ma esistono dei tool che permettono di automatizzare ed organizzare l’interazione social.

Hootsuite

Uno strumento “freemium” che consente di organizzare l’interazione sui social, sia nei messaggi privati che pubblici. Se vuoi lavorare solo su Twitter puoi usare anche il gratuito Tweetdeck.

LinkedIn

Trattasi di un network di contatti. In questi casi la piattaforma LinkedIn dà grandi soddisfazioni e tool. Ad esempio?

Mention

Un tool eccezionale che permette di monitorare quanto accade sul web (siti, forum, social network ecc.). Definisci le parole chiave che ti interessano e se qualcuno nomina il tuo brand puoi intervenire immediatamente.

Nimble

La differenza nel Social Selling la fa il CRM, ovvero un Customer Relationship Management che permette di controllare le relazioni con chi si mette in contatto con te. Ovvero? Un vero Santo Graal se lavori nel B2B ma non solo. Con Nimble sei in grado di gestire al meglio le conversazioni e le relazioni con i tuoi clienti.

B2B, advertising o social selling?

Quando si lavora nel settore Business to Business non si deve scegliere, ma abbiamo bisogno di entrambe, creando pubblicità mirate ed interazioni finalizzate alla vendita.

Scegliere o integrare?

Ecco la domanda chiave: meglio advertising o social selling? Fortunatamente sono dinamiche che si possono sovrapporre (senza escludersi l’un l’altra), tenendo a mente che l’investimento in Social Selling è basato su attività a lungo raggio, ovvero sulla costruzione di rapporti duraturi che creeranno basi stabili con i clienti.

Al contrario, invece, con l’advertising punti verso una vendita diretta e stabile.