Quanto costa la SEO?

L’investimento nella SEO (Search Engine Optimization) è utile ed importante per essere competitivi. Occorre capire quanto spendere e se ottimizzare autonomamente il proprio sito, ha un senso.

Quella in titolo è una delle domande a cui le agenzie devono sempre rispondere.

quanto costa la seo

La risposta è: dipende.

Di seguito cercheremo di fare un po’ di chiarezza.

Perché la SEO è un investimento necessario.

Investimento. Parolina chiave per far comprendere in un attimo che per questa attività occorre prevedere una spesa (spot, trimestrale, semestrale o annuale) che verrà ripagata dai risultati nel tempo.

Trattasi di uno dei principali strumenti di chi crea strategie digitali per imprese (B2C e B2B) e, vista l’elevatissima competizione online tra le aziende, è un aspetto che nessuno si può permettere di trascurare.

Chiunque vuole comprare qualcosa (da un paio di scarpe ad un macchinario) esegue ricerche su Google per informarsi ed entrare in contatto con i venditori.

E’ quindi essenziale apparire tra i primi risultati della ricerca, e di comparire quando vengono ricercati temi e parole chiave inerenti al business dell’azienda.

Puoi avere un meraviglioso sito aziendale, ma se risulta non posizionato o posizionato male, è come avere un negozio con la serranda abbassata. Ottimizzando il sito la serranda si alza e si creano tutti i presupposti per far entrare i clienti. Per questo la SEO è necessaria.

Da cosa dipendono le spese per la SEO?

La risposta è: dipende.

Per capire che tipo di che budget serve per la SEO bisogna chiedersi:

  • Che tipo di sito devo ottimizzare?
  • Quali risultati voglio ottenere?
  • Ci sono altre operazioni da fare oltre all’ottimizzazione?
  • Chi si occuperà dell’ottimizzazione?
  • Sono sicuro che mi serva la SEO?

Sono cinque domande fondamentali per stabilire quanto denaro è opportuno investire allo scopo di posizionarsi sul motore di ricerca.

Costi SEO e tipo di sito

Ad ogni sito, la sua SEO. Sarà impossibile applicare le metodologie di un grande e-commerce ad un sito di una bottega e, ovviamente, viceversa.

E’ necessario la situazione di partenza di ogni sito, analizzando molti fattori. Per questo serve una verifica SEO prima di stabilire quali e quanti interventi devono essere effettuati.

Gli obiettivi influiscono sui costi della SEO

Un parametro fondamentale per la costruzione della SEO, sono gli obiettivi che si vogliono ottenere attraverso il sito web. Ad esempio, si può fare SEO per:

  • Far aumentare i lettori di un blog o far conoscere maggiormente un marchio.
  • Consolidare la percezione del marchio da parte del pubblico
  • Ottenere lead (ovvero nuovi contatti mail/telefonici) da trasformare in clienti
  • Incrementare il traffico organico e le vendite del proprio negozio online

Quando la SEO non è sufficiente

Alle volte la sola SEO non è sufficiente e, di conseguenza, occorre pianificare altre attività parallele oltre all’ottimizzazione del sito.

La SEO non serve (raramente)

Sembrerà strano, ma alcune tipologie di business la SEO non è fondamentale.

Se, ad esempio, si vogliono vendere tazzine da caffè al costo di 5.000 euro, apparire nei primi risultati di ricerca potrebbe non essere di primaria necessità.

Listino prezzi SEO: c’è da fidarsi?

Eseguendo una ricerca in rete è facile imbattersi in veri e propri listini prezzi per la SEO e, spesso, con promesse quantomeno discutibili.

Trovare promozioni tipo “Pacchetto SEO per essere primo su Google: euro 1000” è piuttosto frequente, ma occorre chiedersi come un’agenzia possa fare un prezzo esatto senza conoscere lo stato e le necessità del sito da posizionare.

Nei paragrafi precedenti abbiamo capito quanto sia articolato stabilire un costo preciso a priori per ottimizzare un sito.

Ancor meno attendibile è riuscire a mantenere la promessa di posizionare in prima pagina di Google o addirittura al primo posto dei risultati di ricerca un sito web. Occorre analizzare il comportamento online dei concorrenti (oggi) senza sapere però cosa faranno domani per superarci sui motori di ricerca.

Per ottenere un preventivo serio è necessario contattare Studio TPH e lasciare che analizzino il sito attentamente prima di definire un elenco degli interventi e dei relativi costi.

Il consulente SEO fa guadagnare

Spesso gli utenti pensano che sia semplice ottenere risultati creando autonomamente la SEO, facendo due click qua e là e scrivendo testi con metodo. Ma non è affatto così.

L’ottimizzazione di pagine web è complessa e richiede molto tempo ed esperienza.

Per questo nella maggioranza dei casi affidarsi a un consulente SEO come Studio TPH è il modo migliore per non buttare tempo e denaro.

Essere autonomi significa investire decine e decine di ore in tutte le operazioni utili a posizionare le pagine del sito su Google, con risultati spesso nulli o modesti nonostante il grande impegno.

Il SEO specialist, prima di tutto, esegue una verifica del sito per capire quali sono le criticità così da realizzare un preventivo con l’elenco delle attività da eseguire per arrivare a obiettivi apprezzabili.

Questa figura professionale è determinante anche quando si sta ideando un nuovo sito e lo si deve concepire per essere presente sul motore di ricerca.

Bisogna affidarsi a veri professionisti per trasformare il proprio sito in uno strumento di comunicazione efficace ed efficiente, facendolo diventare il fulcro delle strategie promozionali  e, quindi, fonte di guadagni.

Se desideri assistenza da parte nostra, o vuoi contattarci per qualunque altra necessità, qui in basso a sinistra trovi un fumetto con scritto Scrivici! e ti risponderemo in pochissimo tempo, oppure clicca qui per accedere alla nostra pagina dei contatti.